08 Luglio 2017

21,30 - Incontro con l'Autore: Davide Bottiglieri

Ad Officine del Buon Vivere incontriamo Davide Bottiglieri, giovane autore salernitano che presenta “Omicidi in si minore”. Già nel 2015 pubblica con Les Flaneurs Edizioni, attraverso pseudonimo, una raccolta di racconti fantasy per ragazzi dal titolo Le Cronache di Teseo. È vincitore del Premio Letteratura Italiana Contemporanea 2014 e del Premio Paulon 2016 (Sezione Giovani del Premio Letterario Internazionale "Un Solo Mondo" 2016). Il suo romanzo d'esordio Omicidi in si minore, presentato con altro titolo, si qualifica finalista al concorso Lampi di Giallo 2016. Nello stesso anno gli viene affidata la gestione della rubrica letteraria del web magazine "L'Espressione".

Quarta di copertina:
"Cluj, dicembre 1780. In una fredda e sinistra giornata d'inverno, piazza Unirii è stracolma per assistere all'ennesimo spettacolo di morte. Ad alzare il sipario su questa nuova esecuzione, è stato il neo ispettore Ljudevit Alecsandri, il cui nome è sulla bocca di tutti i cittadini per le vicende che l'hanno visto protagonista nei mesi precedenti a quel momento. La vita apparentemente tranquilla di un remoto paese della Transilvania sta per conoscere terribili vicende. Le sue vie e le sue genti, intrise di superstizione e mistero, saranno invase da un'ombra oscura che porta con sé una scia di paura e morte. Sarà il giovane ispettore a dover far fronte a questa situazione che, però, nasconde una terribile minaccia: riuscirà il suo lato oscuro, quel secondo Ljudevit Alecsandri, a non riemergere ed essere associato lui stesso al demone che abita Cluj?"

Nella presentazione l’Autore è accompagnato dal reading di Giorgio Di Fusco: nato a Napoli, attivamente impegnato nel sociale, collabora con più associazioni Onlus e l'Associazione Culturale No Profit Transumanza Artistica (di cui è socio onorario) e al quale dona il suo contributo artistico per la messa in scena della rappresentazione teatrale Ragazzi Liberi (2016).

Hanno scritto di lui:

“È un testo interessante e innovativo. L’autore ha la grandissima capacità del page-turner; il lettore viene costretto a girare pagina e a sapere, volta per volta, come va a finire. Questa è una vera e propria abilità che pochi scrittori hanno al giorno d’oggi; ecco: l’autore ha una grande capacità di far sposare alla perfezione giallo e mistero.”
(Lorenzo Fiorito – critico letterario, docente universitario)

“Una scrittura pregiata e scorrevole al tempo stesso al servizio di una trama ben orchestrata e appassionante, e infine – cosa di non poco conto – un editing impeccabile. L’autore è il giovane salernitano Davide Bottiglieri, classe 1992, “collega di scuderia”, cui vanno riconosciuti la stoffa del “narratore storico” per eccellenza e il talento. Quello vero”
(D.Cassone – autore, giornalista pubblicista).